Domenica 22 Luglio 2018

La manifestazione si e svolta  su un percorso di 5 km e attraversando  il centro di Ladispoli. Le strade interessate sono state viale Italia, via Taranto, via Firenze, via Castellammare di Stabia, via Ancona, via Duca degli Abruzzi, via Moretti, via Regina Elena, via del Mare, lungomare Marina di Palo, via dei Delfini e via Palo Laziale

Share |
Read more

ALLERTA METEO 4 MAGGIO

LA REGIONE LAZIO DIPARTIMENTO PROTEZIONE CIVILE HA EMESSO UN NUOVO BOLLETTINO DI ALLERTA METEO PER DOMENICA 4 MAGGIO  E PROSSIME 24/36 ORE VENTI FORTI DI BURRASCA DAI QUADRANTI SETTENTRIONALI

Share |
Read more

Nell’ambito controllo effettuato su entrambi gli occupanti della vettura fermata, un 24enne di origini siciliane residente a Civitavecchia, risultava detenere, accuratamente nascosto negli slip, un involucro in plastica, del tipo “ovetto kinder”, contenente sei confezioni in cellophane con polvere bianca, poi risultata essere cocaina, del peso di gr. 2,23.

Share |
Read more

Un'altra colonna della RAI ,  Marcello Giannini, storico conduttore Toscano  di Novantesimo minuto, si è spento a Firenze all'età di 87 anni.

Share |
Read more

 

Continuano gli omaggi per il grande artista visionario: in arrivo due mostre e una visita guidata speciale

Federico Fellini è uno dei più famosi registi italiani e uno dei suoi film più celebri e celebrati è "La dolce vita". Girato nel 1960 ha vinto la Palma d'oro al 13º Festival di Cannes e un Oscar per i costumi. È importante per la storia del cinema e segna il passaggio dai primi film neorealisti di Fellini ai successivi film d'arte. La trama tratta di diverse storie d'amore del protagonista Marcello che lavora come giornalista a Roma, dove viene girato il film. Inoltre, l'opera cinematografica si configura come una dichiarazione d'amore di Fellini per la città di Roma.

Share |
Read more

Torna la crisi (se mai se ne fosse andata) e tornano antiche paura. Ultimamente, ho avuto modo di riscontrare che, molta gente chiama le centrali operative delle forze di polizia per segnalare la presenza di “strani segni” sui lampioni o sugli alberi, o sui muri vicini alla propria abitazione. I segni non hanno niente a che fare con quelli ciclostilati che circolano in rete, e molto prima in fotocopie parrocchiali, cosiddetti degli zingari, ma la generalizzata inquietudine che ormai pervade la nostra società crea un allarme (forse) spropositato.

Share |
Read more

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come  disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie nella sezione relativa alla PRIVACY.