Lunedì 18 Giugno 2018

Castello di Santa Severa: domenica 14 gennaio il concerto " Vivaldiana" In evidenza

Vota questo articolo
(41 Voti)
Martedì, Gennaio 09, 2018 15:44

Dopo il grande successo dell’ultimo concerto multimediale “L’Histoire du soldat” e la pausa delle festività natalizie, domenica 14 gennaio alle ore 18.00 in sala Nostromo, l’Orchestra giovanile Massimo Freccia e i suoi solisti diretti da Massimo Bacci, saranno i protagonisti del concerto dedicato a Vivaldi. 

Un’altra esecuzione nell’ambito della Stagione concertistica “Castello Armonico” realizzata dalla Regione Lazio in collaborazione con Lazio Crea, Mibact, Comune di Santa Marinella e CoopCulture.

Oltre alle inconfondibili “Quattro Stagioni”, nelle quali si alterneranno nella veste solistica i violinisti Giorgio Galli, Roberta Vaino, Chiara Ascenzo e Leonardo Fauci, verranno eseguiti il Concerto per 2 Violoncelli, solisti Rebecca Ciogli e Lorenzo Muscolino, e il concerto per Flauto e Archi “Il Gardellino” con Michele Forese solista. 

“Le quattro stagioni” sono il ciclo più noto delle composizioni del celebre musicista, quasi 500 concerti, di cui più di 200 per violino, suo strumento preferito, del quale si diceva che « ... una tale arte non è mai stata sentita e non potrà mai essere eguagliata ... suona con le dita ad un pelo dal ponte con una velocità incredibile ... se vi è del male nei suoi toni acuti e rapidi, allora Vivaldi ha molti peccati da espiare ... »

Si tratta di quattro concerti, ispirati ciascuno ad una stagione dell’anno. Fanno parte dell’opera 8, “Il cimento dell’armonia e dell’invenzione” e costituiscono uno dei primissimi esempi di musica descrittiva.

LA PRIMAVERA: concerto in Mi maggiore per violino, archi e cembalo. La musica descrive passo a passo l’andamento dei singoli episodi della Primavera: il canto degli uccelli, il temporale e la danza finale (il violino solista rappresenta un pastore addormentato, le viole il latrato del fedele cane mentre altri violini le foglie fruscianti).

L’ ESTATE: concerto in Sol minore per violino, archi e cembalo. Si tratta, fuori dubbio, del concerto di maggiore efficacia descrittiva; protagonista è la tempesta che si sente avvicinarsi da lontano nella calura estiva per poi scoppiare nel finale in tutta la sua virulenza. L’assolo descrive il pastore spaventato dal temporale improvviso.

L’ AUTUNNO: concerto in Fa maggiore per violino, archi e cembalo. Protagonista del concerto è Bacco: Vivaldi riproduce in modo magistrale l’ebbrezza provocata dal vino mentre nel secondo movimento, quello centrale dal titolo i “Dormienti ubriachi”, si sente il clima trasognato e tranquillo del dopo-festa. Il terzo movimento, infine, si identifica con la tumultuosità ed i ritmi della caccia.

L’ INVERNO: concerto in Mi maggiore per violino ed archi. In un primo tempo questo concerto, dai toni pastorali, era stato concepito da Vivaldi per essere eseguito in chiesa; tutta l’orchestra suona sempre quasi “in sordina” come a non voler disturbare i fedeli raccolti in preghiera.

Per informazioni: 0639967999 www.castellodisantasevera.it

Share |