Mercoledì 20 Giugno 2018

LADISPOLI: CITTA’ DI GRANDI ESIBIZIONI CANORE, MINA, ARETHA FRANKLIN SONO STATE QUI, CHI NON RICORDA IL CONCERTO DEGLI STADIO AL MARESCOTTI ORGANIZZATO DA CENTROMARERADIO In evidenza

Vota questo articolo
(0 Voti)
Venerdì, Aprile 06, 2018 6:04

 

( LUIGI CICILLINI) Pochi sanno che negli anni settanta fu tappa fissa di grandi artisti come Gianni Morandi, Pooh, Milva, Julio Iglesias, Lucio Dalla, Califano e tanti altri

Se CENTROMARERADIO divulgasse una notizia dicendo che a Ladispoli si sono esibiti artisti del calibro di Lucio Dalla, Mia Martini, Gianni Morandi, Ricchi e Poveri, New Trolls e perfino le immense Mina e Aretha Franklin, come reagireste amici ascoltatori? Probabilmente penserete che stiamo raccontando fandonie, tentando un maldestro falso scoop. Ed invece no, scavando negli archivi di una delle più antiche manifestazioni canore italiane abbiamo scoperto che nel 1971 Ladispoli ebbe l’onore di ospitare questi grandi artisti. Accadde esattamente il 24 giugno di quarantasette anni fa circa, quando al campo Marescotti si svolse una puntata della decima edizione del Cantagiro. Una manifestazione canora nata nel 1962 che prendeva spunto dal Giro d’Italia, consistente in una carovana di cantanti che attraversava la penisola, permettendo a numerosi artisti di sfidarsi, giudicati da giurie popolari scelte tra il pubblico delle varie città. Ogni sera era proclamato il vincitore di tappa e nella puntata finale era annunciato il trionfatore assoluto. La finale era articolata in tre serate con la diretta tv sulla Rai. L’edizione 1971 sbarcò a Ladispoli, come conferma il rarissimo manifesto che riproduciamo in questa pagina, dove si possono leggere i nomi degli artisti che si esibirono sul palcoscenico dello stadio Marescotti davanti ad oltre 5.000 spettatori in delirio. Notate amici lettori che sul manifesto Ladispoli era già definita “la spiaggia della salute”. Chi era presente all’evento del 1971 ci ha raccontato di una città impazzita per l’arrivo della carovana del Cantagiro, centinaia di fans a caccia di una foto e un autografo di artisti che all’epoca spopolavano come Milva, Gianni Morandi e Lucio Dalla. Solo per una sfortunata coincidenza, i mitici Led Zeppelin che partecipavano come ospiti illustri al Cantagiro, non poterono esibirsi al Marescotti, altrimenti probabilmente non sarebbe bastato lo stadio a contenere l’immensa folla di FANS Stadio che esplose quando salì sul palco Aretha Franklin, una delle icone della musica gospel, soprannominata la Regina del Soul o Lady Soul. I cantanti stranieri non partecipavano alla gara e rappresentavano l’attrazione attraente della rassegna musicale. Erano anni d’oro per la musica, nell’estate del 1971 Lucio Battisti dominava le classifiche con il capolavoro Pensieri e parole che rimase in testa alle hit parade dei quarantacinque giri per oltre tre mesi. L’evento di Ladispoli è ricordato anche perché segnò l’esordio assoluto dell’indimenticabile Mia Martini che partecipò al Cantagiro con Padre davvero, brano con un testo molto duro e critico nei confronti del genitore. Tanto per rendere l’idea dello spessore della kermesse ospitata a Ladispoli, ricordiamo che Gianni Morandi cantò “Com’è grande l'universo”, Milva propose “La pianura”, Lucio Dalla “La casa in riva al mare”, New Trolls “Il sole nascerà”, I Ricchi e Poveri cantarono “Addio mamma, addio papà”. Nella categoria giovani si esibì un gruppo nascente, I Pooh, che proposero la poi celeberrima “Tanta voglia di lei”. Ma le chicche non sono finite. Da quell’evento, infatti, Ladispoli ebbe un grande balzo in avanti come tappa fissa degli artisti per le loro tournee. L’apice fu alla fine degli anni settanta quando nella zona di Palo Laziale fu installato il famoso Pianeta MD, un enorme teatro tenda capace di contenere oltre cinquemila spettatori. A Ladispoli si svolsero concerti d’immenso spessore, ricordiamo nel 1979, l’arrivo dei Rockets che spopolavano in tutta Europa con la loro musica elettronica e due anni dopo l’indimenticabile live di Lucio Dalla che il 3 agosto bloccò il traffico sulla via Aurelia per l’arrivo di migliaia di fans. Il 1979 fu un anno pazzesco, nel tendone di Ladispoli si esibirono Loretta e Daniela Goggi, Franco Califano, I Gatti di vicolo miracoli, Riccardo Cocciante, Julio Iglesias, E poi quello che forse rappresentano l’apice nella storia musicale di Ladispoli, in altre parole il concerto di Mina di cui, chi ebbe la fortuna di assistervi, ne parla ancora oggi con gli occhi lucidi. Nel corso degli anni la situazione cambiò, nel 1982 il Pianeta MD chiuse i battenti per trasferirsi a Roma, i concerti iniziarono a scarseggiare, anche se alcune pietre miliari tra gli anni 1985- 1995 sono rimaste, memorabili concerti come quello degli Stadio (12.000 persone al Marescotti, apriva il concerto Biagio Antonacci), Edoardo Bennato, Tullio De Piscopo, Enzo Avitabile, e poi Litfiba Pino Daniele etc, Il resto è storia nota, per tantissimi motivi, tra cui la crisi economica e la mancanza di strutture, i grandi artisti da tanto tempo non si fermano più a Ladispoli, il livello è ovviamente sceso. Ma quello che accadde negli anni settanta non si cancella, chi lo ha vissuto lo ricorda con gioia, chi lo sta scoprendo nel leggere questo articolo speriamo ne sia interessato. Ovviamente, tutti quelli che avessero testimonianze degli eventi, avvenuti a Ladispoli, come ad esempio biglietti e manifesti, foto e quant’altro, possono mettere in contatto la nostra redazione per aiutarci ad arricchire la nostra inchiesta alla mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure sulla pagina fb di centro mare radio

 

Share |
Ultima modifica il Venerdì, 06 Aprile 2018 06:10