Mercoledì 21 Novembre 2018

LADISPOLI , “BUONGIORNO SIAMO DEL GAS DOBBIAMO VERIFICARE IL CONTATORE” MINACCIANO E RAPINANO UN ANZIANO SIGNORE In evidenza

Vota questo articolo
(0 Voti)
Mercoledì, Maggio 16, 2018 6:43

 POCHI GIORNI FA’ IL SINDACO AVEVA INVITATO GLI ANZIANI A DIFFIDARE DA CHI “SUONA AL CITOFONO” CARABINIERI SULLE TRACCE DEI DELINQUENTI

Quatto o cinque malviventi con il volto scoperto hanno minacciato e rapinato un anziano residente in una villetta di via La Spezia. Il colpo è avvenuto nella mattinata di martedì 15 maggio verso le 10,15. I banditi (uno parlava un perfetto italiano), gli altri sono rimasti in silenzio) hanno atteso che la moglie dell’anziano signore, si recasse al mercato settimanale, per poi agire indisturbati , sicuramente hanno stazionato e monitorato la situazione per diverso tempo davanti all’ingresso della loro casa dei via La Spezia.

“Buongiorno siamo del gas dobbiamo verificare il contatore”.

Sarebbe la frase che ha tratto in inganno l’ottantenne, ignaro di quello che sarebbe successo da lì a poco, ha aperto il cancello, e subito l’aggressione e le minacce, si sono messe a rovistare tra le sue cose in cerca di oggetti da rubare. I banditi hanno poi intimato all'anziano padrone di indicare dove fosse la cassaforte, e dopo averla trovata, l’hanno svuotata, Il tutto si svolgeva in pochi minuti, nel frattempo la moglie faceva rientro a casa, e sembra che abbia incrociato i furfanti che se la davano a gambe. Grande lo spavento per gli anziani coniugi, il signore ha stato dovuto accompagnare al pronto soccorso. L’anziana coppia ha denunciato il fatto ai Carabinieri di Ladispoli, i quali hanno avviato le indagini. Proprio qualche giorno fa’ il Sindaco Grando, aveva emanato, un comunicato che riportiamo.

"Invitiamo i cittadini a diffidare di chiunque li avvicini con la scusa di dover consegnare materiale informatico a domicilio. Si tratta di persone potenzialmente pericolose, è necessario avvisare subito i carabinieri".

Con queste parole il sindaco Alessandro Grando ha lanciato un monito alla popolazione affinché diffidi di alcuni personaggi che da giorni tentano di introdursi nelle case altrui con intenzioni probabilmente delinquenziali. Vittime preferite sarebbero persone anziane. "Una signora di 80 anni - spiega il sindaco Alessandro Grando - ci ha informato che davanti al comune è stata avvicinata da un uomo dall'apparente età di 30 anni che le ha raccontato che doveva consegnare un computer al figlio ma che non riusciva a contattarlo. L'uomo le ha proposte di salire in auto per accompagnarla a casa dove le avrebbe lasciato il computer. Aspetto inquietante della vicenda è che il malintenzionato conosceva perfettamente l'indirizzo dell'anziana. La signora ha compreso la stranezza della vicenda, ha chiesto ulteriori spiegazioni all'uomo che si è dileguato.  La nostra concittadina ha fornito ai carabinieri di Ladispoli un identikit dell'uomo che sarebbe robusto e non molto alto. Da quanto si è appreso, sarebbero già accaduti episodi simili ai danni di altre persone anziane, chiediamo ai cittadini di tenere gli occhi bene aperti". L'amministrazione comunale sta provvedendo ad allertare anche il comando della polizia locale per intensificare i controlli in tutta la città.

 

Share |
Ultima modifica il Mercoledì, 16 Maggio 2018 10:29