Giovedì 19 Settembre 2019

Civitavecchia - Ladispoli, Controlli straordinari nel week end da parte della Polizia di Stato. Oltre 100 persone controllate e 70 veicoli fermati. Denunciato un 34enne per detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti. In evidenza

Vota questo articolo
(0 Voti)
Lunedì, Maggio 06, 2019 11:26

Nel fine settimana gli agenti della Polizia di Stato del Commissariato di Civitavecchia, diretto da Nicola Regna, hanno intensificato i servizi di controllo del territorio nel comune di Civitavecchia ed in quello di Ladispoli.

Nella mattinata di sabato scorso, con l’ausilio delle pattuglie del Reparto Prevenzione Crimine Lazio, sono stati effettuati numerosi posti di controllo nella cittadina costiera, durante i quali sono state identificate 119 persone e controllati 70 veicoli. Elevate anche 2 infrazioni al Codice della Strada.

Sempre nella giornata di sabato, nel pomeriggio, gli investigatori della squadra di Polizia Giudiziaria, nel corso di una attività di indagine,  relativa alla prevenzione e al contrasto dei reati in materia di stupefacenti, hanno denunciato in stato di libertà, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, un 34enne del luogo, trovato in possesso di 4,8 grammi di cocaina.

L’uomo, che  è stato fermato a bordo del proprio veicolo per un controllo di routine, ha da subito palesato un atteggiamento molto nervoso, pertanto, gli agenti hanno approfondito il controllo rinvenendo, abilmente occultato sul mezzo, lo stupefacente.

Successivamente, durante la perquisizione domiciliare a casa del 34enne sono state rinvenute piccole quantità di hashish e marijuana.

L’azione di controllo da parte dei poliziotti ha interessato anche le attività commerciali. Nella tarda serata di domenica, durante i controlli amministrativi, è stato sanzionato un cittadino  afgano, titolare di un minimarket, sorpreso a vendere alcolici ad un minorenne.

Gli agenti, intorno alle 22,30, hanno sorpreso l’uomo mentre vendeva alcolici ad un ragazzo di 16 anni e pertanto a suo carico è stata elevata una sanzione amministrativa di 1.000 euro.

 

Share |