Mercoledì 26 Giugno 2019

ROBERTO BENIGNI, GIRA A LADISPOLI, IL NUOVO PINOCCHIO DI GARRONE E NESSUNO LO RICONOSCE In evidenza

Vota questo articolo
(1 Vota)
Venerdì, Giugno 14, 2019 3:31

(di Emanuele Rossi ) "Il Borgo di Palo incanta il Toscanaccio" In pochi lo hanno riconosciuto. Forse si contano sul palmo di una mano le persone che l’altro pomeriggio, hanno capito chi si nascondeva sotto quella barba lunga e bianca. Proprio lui, il grande Roberto Benigni, nei panni di Geppetto.

Sì, perché a Ladispoli, nell’antico borgo di Palo, erano di scena gli attori protagonisti del nuovo film di Matteo Garrone, Pinocchio. E tra loro Benigni, il padre del burattino di legno più amato di sempre. Ancora una volta Ladispoli viene scelta per un film d’eccezione. L’area verde di Palo è in grado di raccontare negli anni i suoi segreti. Mario Soldati girò Il sogno di Zorro nel 1952 e I tre corsari nello stesso anno. Nel 1953 Palo ispirò un altro regista, Raffaello Matarazzo, per produrre La nave delle donne maledetta. E così via fino a Pinocchio per un cast di primissimo ordine: Gigi Proietti nel ruolo di Mangiafuoco, Massimo Ceccherini e Rocco Papaleo nei panni del gatto e la volpe e il burattino di legno interpretato da Federico Ielapi, giovanissimo attore romano di 8 anni (ha già recitato in Quo vado di Gennaro Nunziante con Checco Zalone, in Moschettieri del re di Giovanni Veronesi: è il bimbo che si vede nella parte moderna della storia). Il grillo parlante è Davide Marotta, la lumaca Maria Pia Timo, la fata giovane sarà Alida Baldari Calabria (la bimba di Dogman), la fata da grande è Matilda De Angelis. Infine il Pappagallo sarà interpretato da Marcello Fonte.
Quasi nessuno scatto, nessun tam tam sui social, come avviene ormai sempre in ogni città quando un attore di questo calibro gira qualche scena. Roberto Benigni è rimasto a Ladispoli in una totale anonimato, anche e soprattutto magari per volere della produzione per evitare tanti curiosi.
Ma una cosa è sicura: questo posto magico continua a piacere ad attori e registi. Cambiano le epoche ma Palo è sempre lì con tutto il suo fascino.

Share |