Mercoledì 11 Dicembre 2019

Nel plesso di Ceri dell’Istituto Comprensivo “Don Lorenzo Milani” si è svolto un laboratorio esperienziale, nel giardino della scuola, che ha visto protagonisti nonni e nipoti nella realizzazione di un orto didattico In evidenza

Vota questo articolo
(0 Voti)
Lunedì, Ottobre 28, 2019 10:07

È stato un evento strepitoso grazie ai nonni così generosi e partecipi e grazie al lavoro di gruppo delle insegnanti del plesso insieme all’insegnante di religione Sara Benfatti.

I nonni sono arrivati a scuola portando i materiali per la realizzazione del progetto: piantine aromatiche o piante di ortaggi di stagione, terriccio, attrezzi per il giardinaggio e la giornata è iniziata con l’accoglienza nel giardino con una “merenda di altri tempi” con prodotti locali: pane e olio. Poi ogni nonno, con il proprio nipote, ha trapiantato le piantine in una cassetta di legno. Alcuni hanno lavorato in gruppo per allestire le aiuole che sono in giardino. A metà mattinata siamo tutti rientrati e in corridoio nonni e nipoti hanno ballato il “cha cha dei nonni” e per finire, in ogni sezione, i bambini hanno consegnato ai nonni un pensierino preparato da loro stessi. Il laboratorio esperienziale nasce come un lavoro interdisciplinare in collaborazione con l’insegnante di religione per festeggiare i nonni, pilastro emotivo e affettivo fondamentale per la crescita dei bambini. Si è pensato di creare uno spazio di incontro, l'orto, in cui nonni e bambini possano conoscersi e raccontarsi attraverso la manipolazione, l'osservazione ed il contatto con la Natura. Stimolare nei bambini la curiosità verso tutto ciò che l'ambiente naturale propone grazie alla guida certa e sicura dei nonni, depositari di saggezza e segreti ed in continuità con il progetto triennale (2018/2021) della scuola sulla sostenibilità. I campi di esperienza coinvolti in questo progetto sono molteplici. “Il sé e l’altro”: tramite il gioco i bambini si sono confrontati con gli adulti per consolidare buone pratiche: la coltivazione di un orto e il mangiar sano. Stare con i nonni favorisce la conoscenza della propria identità in relazione alla propria famiglia e alle proprie origini. Con la festa degli Angeli i bambini hanno conosciuto una festività e delle tradizioni. “Il corpo ed il movimento”: l’aver mangiato cibo sano e aver ballato con i nonni sono state esperienze che hanno favorito la conoscenza del proprio corpo e il consolidamento di pratiche corrette di cura di sé e di alimentazione. “immagini, suoni e colori” : il bambino si è potuto esprimere attraverso vari linguaggi: gestuale, iconico, musicale, verbale. Attraverso il ballo ad esempio il bambino ha potuto riconoscere ed esprimere le proprie emozioni rielaborandole attraverso il linguaggio del corpo. Manipolando la terra il bambino ha sviluppato le capacità percettive, manipolative e visive per l’analisi e la rappresentazione della realtà. Il disegno realizzato per i nonni ha sollecitato e rafforzato la fantasia, l’immaginazione e la creatività. “I discorsi e le parole“: il bambino, relazionandosi con i nonni, ha ascoltato e compreso storie, ha formulato domande, ha chiesto spiegazioni pertinenti e ha condiviso delle regole. “La conoscenza del mondo“: il bambino ha esplorato, raggruppato e ordinato secondo criteri diversi, osservando e conoscendo i fenomeni naturali.

Grazia Minutella

Share |