Domenica 16 Dicembre 2018

LADISPOLI COMUNICATO/CRONACA CONVEGNO LEGGI RAZZIALI

Lunedì, Novembre 19, 2018 18:20

( riceviamo e pubblichiamo) “La speranza è un vizio che nessuno ci può togliere. Da questo Convegno la speranza si alimenta soprattutto grazie all’intervento dello studente Leonardo de Leonibus

con la sua lucida analisi sulle profonde differenze giovanili nel valutare la storia e nello specifico le leggi razziali e l’importanza di non assecondare l’indifferenza. Non c’è dubbio che bisogna ripartire dal mondo della scuola perché certi abissi del passato non si ripetano. Lo hanno sottolineato anche tutti gli altri relatori incluso il bellissimo messaggio della Senatrice Liliana Segre. Sono contento di essere venuto, ho respirato un soffio di umanesimo”. E’ il commento a caldo di una persona che insieme a tanti altri cittadini di ogni fascia di età ha partecipato nel pomeriggio di venerdì scorso 16 novembre, a Ladispoli, al Convegno sulle Leggi Razziali svoltosi nel salone del Sun Bay. Un pienone che ha superato le aspettative degli organizzatori. Due ore intense con una platea attenta alle parole e alla testimonianza delle immagini proiettate sullo schermo. Al microfono si sono avvicendati Fabrizio De Sanctis Presidente ANPI provinciale, Gianfranco Marcucci coordinatore del Comitato NO Piazza Almirante, il prof. Marco Caviglia, il dr. Furio Civitella, Leonardo de Leonibus in ticket con la dr.ssa Catia Ciancio. “Un bilancio positivo che ci ripaga del lavoro minuzioso di preparazione” dichiara un componente del gruppo organizzativo, formato da ANPI e Comitato NO Piazza Almirante, che aggiunge: “Avevamo un certo batticuore perché l’argomento che abbiamo affrontato è complesso e delicato e temevamo che non facesse presa. Invece la risposta c’è stata. Sono venuti in tanti, persone comuni accanto a volti noti del mondo della politica e delle realtà culturali e sociali del territorio.” Se in casa ANPI c’è soddisfazione, per il Comitato NO Piazza Almirante la buona riuscita del Convegno è uno stimolo, una marcia in più per continuare la battaglia. “La questione di piazza Almirante è strettamente connessa al clima di intolleranza e di odio che sta colpendo l’Italia e tutta Europa in quest’ultimo periodo.
A questa ondata preoccupante bisogna che tutti i cittadini che credono ancora negli ideali costituzionali di uguaglianza e solidarietà si oppongano con fermezza. Nel nostro piccolo qui a Ladispoli lo abbiamo fatto contro questa provocazione razzista di piazza Almirante attraverso questo comitato che raccoglie le adesioni di tutte le forze politiche d’opposizione cittadine.
In pochissimo tempo abbiamo raccolto oltre oltre 1000 firme con una petizione popolare. La città di Ladispoli ha dimostrato di avere ancora anticorpi contro il razzismo. La nostra lotta non finirà certo con la petizione – dichiara Gianfranco Marcucci - andremo avanti con altre iniziative fin quando quella piazza avrà un nome rispettoso dell’identità e della storia della nostra città.” Ufficio Stampa Convegno Leggi Razziali

Share |