Lunedì 18 Ottobre 2021

OPERE DI DIFESA DELLA COSTA, OTTENUTO UN FINANZIAMENTO AGGIUNTIVO DI 200.000 EURO PER PROTEGGERE LA PALUDE DI TORRE FLAVIA DALL’EROSIONE In evidenza

Vota questo articolo
(0 Voti)
Giovedì, Maggio 27, 2021 11:45

“E’ veramente una bella notizia quella che ci è giunta in questi giorni, che si integra perfettamente con il lavoro che stiamo predisponendo per la protezione della costa di Ladispoli”. Questo il commento di Filippo Moretti,

consigliere delegato alle aree protette e coordinatore del “Progetto scogliere” la cui attuazione dovrebbe mettere in sicurezza dall’erosione tutta la costa urbana del nostro comune.

“Siamo molto attivi – ha proseguito Moretti - nella partecipazione a qualsiasi tipo di bando che ci consenta di portare risorse economiche nelle casse comunali, con l’obiettivo di finanziare le grandi opere che con le sole disponibilità di bilancio sarebbero impossibili da realizzare. Questa volta siamo stati premiati per la tempestività e la puntualità con la quale abbiamo rappresentato il problema dell’erosione lungo la costa sulla quale si affaccia la Palude di Torre Flavia e ci siamo aggiudicati un finanziamento regionale di 200.000 euro che ci consentirà di estendere l’intervento già programmato. In questi ultimi anni le mareggiate invernali hanno sensibilmente eroso la spiaggia e ridotto lo spessore della duna che separa la Palude la mare causando l’intrusione di grandi volumi di acqua marina nell’invaso della Palude. Dobbiamo ricordare che il fragile equilibrio di un sistema così complesso si basa proprio sulla regolazione degli apporti provenienti da diverse fonti di acqua dolce e che le specie animali e vegetali che vi risiedono sono acclimatate proprio a questo tipo di acqua. L’incremento della salinità, per effetto dell’intrusione di acqua di mare, potrebbe causare un danno estesissimo e dunque la protezione della costa e la ricostruzione della spiaggia diventano interventi di primaria importanza. Sarà nostra cura – ha concluso il consigliere delegato Moretti - predisporre accurati studi preliminari per evitare qualsiasi interferenza ambientale negativa e massimizzare il risultato con i fondi messi a disposizione”.

Share |