Sabato 25 Settembre 2021

Cerveteri - Vigili del Fuoco e bambini… Tempesta perfetta all’Oratorio di San Michele In evidenza

Vota questo articolo
(0 Voti)
Mercoledì, Giugno 30, 2021 10:17

Un po’ per gioco, un po’ per il fascino indiscusso delle divise e degli automezzi, i Vigili del Fuoco del Comando di Cerenova-Ladispoli di via Aurelia e i bambini del Campo Estivo dell’Oratorio di San Michele Arcangelo di Cerveteri

hanno potuto condividere, martedì 28 giugno,un’effervescente mattinata di svago formativo, passando insieme in rassegna gli strumenti di cui le squadre del 115 si servono ogni giorno nei vari tipi di emergenza cui sono chiamate a rispondere H24. Il rendez vouz fra i VdF e i ragazzi di don Gianni Sangiorgio è stato organizzato dal Vice Sovritendente di Polizia Stradale, Marcella Mecucci, di concerto col direttore del Centro Estivo, Stefano Bruschi.

Un invito a cui i pompieri di via Aurelia hanno aderito con entusiasmo, salendo da Cerenova a Cerveteri con l’intera squadra 26 A, che si è presentata con l’Autocisterna del Servizio Antincendio - in gergo APS, Autopompa Serbatoio -che per l’occasione ha aperto ognuna delle sue paratie, rivelando al nutrito pubblico di giovanissimi, molto attenti e curiosi, i suoi mille tesori segreti: dal quadro elettrico agli strumenti di regolazione del flusso d’acqua e della pressione, fino agli ugelli d’attacco agli idranti stradali per le emergenze più gravi. Ai ragazzi, i Vigili hanno mostrato tutto l’armamentario di cui si servono per districare le lamiere di un mezzo incidentato, le motoseghe e i divaricatori per fendere l’acciaio, le scale componibili per raggiungere i piani più alti di un edificio in fiamme o lesionato, gli archi-luce per gli interventi in notturna, le divise ignifughe per l’entrata in mezzo al fuoco, con tanto di bombola d’ossigeno per poter respirare nelle volute di fumo. Risultato, un successo entusiasmante, con i ragazzi che hanno rivolto una pioggia di domande ai 5 membri della Squadra 26 A, e che hanno potuto provare l’emozione di sedersi al posto di guida nella cabina del grande camion rosso, che abitualmente vediamo accorrere a sirene spiegate quando un’emergenza lo richiede.

In conclusione, “è stato molto gratificante anche per noi – commenta il Capo Reparto Sandro Marabitti della Squadra 26 A – dato che per una volta ci siamo concessi una pausa coinvolgente insieme ai ragazzi, che con la loro attenta partecipazione e con la loro vitalità inesauribile ci hanno ripagato di tanti momenti di amarezza che questo lavoro porta con sé”. Ma non solo: il ringraziamento da parte dei Vigili del Fuoco agli organizzatori dell’evento per il gradito invito ad avvicinare i bambini è la prova perfetta di una riuscita sintonia.

Share |