Venerdì 30 Settembre 2022

Ardita: Cerveteri potrebbe realizzare la Cittadella dello Sport, Una città di 40.000 residenti, dovrebbe avere due impianti di calcio come Ladispoli, Civitavecchia e Fiumicino ne hanno addirittura 4 In evidenza

Vota questo articolo
(0 Voti)
Lunedì, Aprile 11, 2022 11:42

Disponibili più di 700.000.000 dal Dipartimento dello Sport del Presidenza del Consiglio. I comuni hanno tempo fino al 22 aprile per presentare la domanda.

Dal PNRR ancora una opportunità per lo Sport e l’inclusione sociale del nostro territorio. Scadrà il prossimo 22 aprile, l’avviso pubblico per più di 700.000 euro, fatto dal Dipartimento dello Sport della Presidenza del Consiglio. “Attraverso i fondi del Piano di Ripresa e Resilienza – spiega Giovanni Ardita – c’è la possibilità di accedere a fondi molto importanti per gli investimenti per lo sport e l’inclusione sociale. L’obbiettivo è quello di incrementare l’inclusione e l’integrazione sociale attraverso la realizzazione di nuovi impianti sportivi che favoriscano il recupero di aree urbane. Questa è la giusta opportunità per il Comune di Cerveteri e la stessa Ladispoli di aderire al secondo avviso, relativo al Cluster 3 che è destinato a tutti i comuni italiani ed è finalizzato alla realizzazione di nuovi impianti o alla rigenerazione di impianti esistenti che siano di interesse delle Federazioni Sportive.

Perché non pensare - continua l’esponente di Fratelli d’Italia - di recuperare aree urbane abbandonate come la piscina e tutta l’area antistante allo Stadio Galli di Cerveteri? Perché non si potrebbe valutare di ritirare fuori il vecchio progetto della Giunta Rossi della Cittadella dello Sport nella zona San Paolo? Cerveteri ha l’obbligo di dare una risposta ai numerosi sportivi delle diverse discipline, certo che la società sportiva Cerveteri Calcio ha un bellissimo impianto che si potrebbe riqualificare, una cittadina di 40.000 residenti con due squadre in Eccellenza ed in Promozione “Cerveteri e Borgo S.Martino” quest’ultima società che veramente si sta mettendo in evidenza per i risultati,  non solo perché ad un passo per andare agli spareggi per salire in Eccellenza dove ci sono squadre blasonate di città come Ladispoli, Cerveteri, Civitavecchia, Pomezia, Fiumicino, è da premiare la politica che sta facendo il Borgo S.Martino che a differenza di altre società calcistiche sta facendo giocare in campionato tutti i giovani del territorio, per questo motivo ritengo che come a Ladispoli a Cerveteri ci dovrebbero essere due impianti di calcio, non parliamo di Civitavecchia e Fiumicino che ne hanno 4 o 5 . E’ tempo che  la politica si interessi seriamente dello Sport ed oggi con i fondi del PNRR abbiamo una opportunità unica per realizzare nuovi impianti sportivi, qualsiasi sia la disciplina sportiva, anche impianti polifunzionali che possano ospitare le discipline paralimpiche.

Mi auguro – conclude Giovanni Ardita - che l’amministrazione comunale di Cerveteri partecipi al Bando Sport ed Inclusione, perché come hanno insegnato i comuni vicini di Santa Marinella e Civitavecchia, attraverso i contributi a fondo perduto del Bando Sport e Periferie sono riusciti a realizzare nuovi impianti sportivi per dare una nuova dimensione alla città, il Comune di Cerveteri non so nemmeno se abbia partecipato al Bando Sport e Periferie.. Costruire un nuovo impianto sportivo non è una cosa di destra o di sinistra ma significa incentivare la Cultura dello Sport, e soprattutto permettere una crescita sana dei propri figli e dei propri nipoti.”

Share |