Stampa questa pagina

La Scuola Corrado Melone, incontra il primate ortodosso Padre Basilio Grillo

Martedì, Maggio 27, 2014 19:25

A conclusione, per quest’anno scolastico, del percorso sulla spiritualità, noi alunni della “Corrado Melone” abbiamo avuto lapossibilità di incontrare,presso l'aula Consiliare del Comune di Ladispoli,il primate ortodosso Padre Basilio Grillo.

Il primate ci ha spiegato alcuni aspetti della religione CattolicaOrtodossa, confrontandolacon la nostra religione CattolicaRomana. Ci ha parlato delle somiglianze (ad esempio il culto dei Santi) e delle differenze su alcuni Sacramenti o sul primato petrino, ovvero sul primato del Papa.

Fra le varie differenze, ad esempio, ci ha ricordato che per la chiesa cattolica ortodossa il battesimo si fa sempre per immersione, mentre nella nostra confessione si fa, generalmente,per aspersione, anche se è permessa a che  l’immersione.

Il Primate ci ha parlato di un’amicizia importante, quella che noi abbiamo con un amico “speciale” che è il Signore. A questa amicizia, ci ha detto, dobbiamo tenere molto perché Gesù non ci abbandonerà mai.Il Vescovo ci ha parlato di come Gesù facciaparte della nostra vita, specificando che è un amico che non tradisce mai e per questo non dobbiamo allontanarci da Lui. I comandamenti che ci ha donato possono, in realtà, essere riassunti in un unico comandamento: amare il prossimo e amare Dio.Ci ha raccomandato di operare sempre per il bene, di non perdere il nostro tempo.

Abbiamo quindi posto alcune domande ed in particolar modo io stesso gli ho posto due questioni. Gli ho chiesto quando e come era nata la sua vocazione, in che modo ha capito che voleva dedicare la sua vita a Cristo, poi,in seguito, ho chiesto la differenza tra il termine patriarca e il termine primate.

Alla domanda sulla sua vocazione, ha risposto parlando un po’ della sua vita. È rimasto orfano da piccolo, ha studiato in collegio, ha conseguito la laurea in Lettere, ha viaggiato molto, per tantianni è stato insegnante al liceo, si è anche innamorato di una donna che però morì di tumore e da allora non volle più innamorarsi di nessuno se non di Gesù. Ha avuto la sua vocazione piuttosto tardi ed all’età di circa quarant’anni è stato consacrato sacerdote.

È stato molto interessante ascoltare i discorsi di Basilio Grillo che è rimasto molto soddisfatto del nostro interesse nei suo confronti, complimentandosi per il nostro comportamento.

L'incontro, pur se breve, è stato interessante perché noi ragazzi abbiamo potuto avere lapossibilità di formulare domande su vari punti, per comprendere meglio e per approfondire le nostre conoscenze in ambito religioso. Il Primate, rispondendo ad altre domande, ci ha spiegato il significato della sua lunga veste nera e degli ornamenti che portava: dal momento che si è trattato di una visita ufficiale, Sua Beatitudine Basilio Grillo indossava sul capo, un velo bianco con sopra la croce, posto su una coronaaveva tre collane dorate, unacon l’immagine la Chiesa, una con l’icona della “Tutta Santa” ovvero di Maria e un’icona con l’immagine diCristo. Aveva anche il pastorale, un bastone che il Vescovo porta in quanto “pastore” e guida delle sue pecore.

L’incontro si è concluso con un piccolo buffet che abbiamo voluto offrire al Vescovo Grillo per ringraziarlo della sua preziosa visita.

Come sempre, la nostra scuola ci ha fornito un’altra interessante occasione per entrare in contatto con la realtà che ci circonda e questa volta abbiamo avuto modo di trattare un argomento che ci coinvolge dal punto di vista spirituale e umano.

Agnelli Sara II M, Silvia Petruzzi ed Emanuele Spada III M

 

Share |